Follow Us On

Ideatore della metodologia LAI, responsabile formazione e ricerca UISP Campania | Unione Italiana Sport per Tutti

11Stefano Dati a B.I.TU.S 2021

Stefano Dati

Ideatore della metodologia LAI, responsabile formazione e ricerca UISP Campania | Unione Italiana Sport per Tutti

Informazioni veloci

Speaking Sessions

Short Bio

Responsabile del settore formazione e ricerca UISP Campania | Unione Italiana Sport per Tutti,  ideatore del LAI – Laboratorio Ambientale Interattivo e conduttore della ricerca scientifica presso University of Barcelona.

Stefano Dati è nato a Napoli nel 1963 da una famiglia nota alla comunità di Boscoreale per aver saputo trasformare ciò che era solo un manto di terra in ciò che è l’attuale dimora in piazza Vargas.

Trascorsa la prima adolescenza a Boscoreale Stefano Dati intuisce la propria vocazione di vita: voler diventare un insegnante, un docente.

Intraprende la propria carriera allontanandosi dalla sua Boscoreale occupandosi fin da subito di volontariato e si proietta verso le municipalità delle periferie napoletane passando dalla II alla IV fino a raggiungere la VI.

Si laurea in management dello sport e delle attività motorie, da oltre quindici anni lavora a Ponticelli e dedica il suo tempo al mondo dell’associazionismo.

Dalla volontà di creare una relazione forte tra la scuola rappresentata dall’insegnante di strada ed il volontariato sportivo nel 2000 fonda l’associazione Onlus “Damo-Ti-Ling” la quale si occupa della gestione del Banco Alimentare a supporto di tante famiglie ma non solo.

Quest’ultima, infatti, svolge tuttora una funzione educativa territoriale e di assistenza nei confronti delle fasce più deboli diventando un significativo punto di riferimento per i giovani a rischio dispersione scolastica.

Grazie alla propria tenacia Stefano Dati è attualmente docente di ruolo in scienze motorie sul sostegno e Referente Nazionale delle Politiche Innovative della UISP Montagna ma soprattutto un uomo tenace che non perde di vista i propri sogni portando sempre con sé la propria valigetta degli arnesi composta inevitabilmente da una penna, un taccuino e un buon libro

Condividi sui Social